Beata Elena Guerra e Leone XIII |Il pentecostalismo protestante |Il week-end Duquesne
Il Rinnovamento Carismatico Cattolico |Il Rinnovamento nello Spirito Santo (RnS) in Italia|Rinnovamento piemontese

Gli inizi del R.n.S. nella Diocesi di Ivrea

di Don Giovanni Gerra

Il primo gruppo del Rinnovamento nato nella Diocesi eporediese (1978) fu chiamato Gruppo "Betlemme", perchè le persone di cui il Signore si servì per la sua costituzione provenivano dalla piccola frazione di Chivasso che si onora di questo nome biblico. 

Il cappellano del Santuario di Gesù Bambino di Betlemme ricorda molto bene come avvenne il primo contatto col RnS.
Una mattina, dopo aver officiato la messa al Ricovero per anziani "Eugenio Clara" di Chivasso, scorse in un banco un libro dal titolo “L’ora dello Spirito Santo” di Don Serafino Falvo. Attratto dalla curiosità incominciò a leggiucchiarlo; ma l'argomento si faceva sempre più attraente, cosicchè il libro in poco tempo fu divorato. Alla fine del libro erano stampati gli indirizzi dei gruppi del Rinnovamento Carismatico, tra cui c'era pure il gruppo “Maria” diretto da P. Domenico Lovera M.I. (che si riuniva presso le Suore di Nostra Signora del Cenacolo in P.za Gozzano 4, Torino).
Il sacerdote, che era allora alla ricerca di una carica interiore, sotto il pungolo della curiosità, frequentò il cosiddetto "Seminario di Vita Nuova nello Spirito" in preparazione alla "preghiera di Effusione", che si teneva a Torino presso l'Istituto Cabrini, sotto la direzione dello stesso P. Domenico, figlio di S. Camillo.

Inizialmente l'esperienza suscitò nel sacerdote reazioni negative, tanto da spingerlo a sospendere la frequenza: il pregare con le braccia alzate, il cantare in lingue, il "battere le mani", avevano il sapore di stranezze, contrarie alla gravità della preghiera liturgica, contenuta in precisi schemi descritti da un preciso cerimoniale osservato con scrupolo.
Eppure al sabato pomeriggio il sacerdote, quasi attratto da una misteriosa chiamata, faceva il suo ritorno, sembre accolto con dolcissima cortesia conquistatrice. 

E venne il 29 gennaio 1978.
Nel salone-teatro dell'Istituto
si teneva una giornata di incontro di tutti i gruppi allora costituiti. Dirigeva l'incontro il gesuita P. Tomaso Beck, che possedeva una carica di spiritualità formidabile, capace di galvanizzare gli spiriti. E fu proprio dopo aver udito l'insegnamento dello zelantissimo Padre, che il sacerdote chiese a P. Domenico di poter ricevere la preghiera di effusione dallo stesso Padre.
Fu accontentato: dietro le quinte del palcoscenico un gruppo di fratelli e sorelle, col Padre, pregò sul minuscolo prete, che fu inondato di tale gioia da non poterla comprimere esteriormente, gioia che perdurò per molto tempo e che difficilmente può essere tradotta in parole.
Da allora il sacerdote in questione e Sr Albina, infermiera del ricovero di Chivasso, iniziarono ad invitare persone agli incontri settimanali, che avevano luogo nella Cappella del Ricovero prima, e poi nella Cappella dell'Istituto S. Giuseppe. Man mano che il gruppo cresceva, i primi responsabili frequentavano al sabato l'avviatissimo gruppo di Spolina, diretto da P. Giovanni OFM Cap. e da Luciano Proietti, ora P. Luciano dei Frati Minori di San Francesco.

Le riunioni vive e ricche di manifestazioni carismatiche furono, per grazia del Signore, molto positive. Il primo Seminario per la prima Effusione venne guidato da P. Gervasio MI; crescendo il numero dei fratelli se ne fece un secondo guidato da P. Marcello Graffino OFM Cap.
Il terzo Seminario (1986), guidato dalla sorella Diana Trovò e dalla sua Comunità di Gesù, generò il gruppo "Gesù di Maria" di Montanaro, dal quale sboccierà il gruppo "Emmanuel" di Chivasso, detto della "Blatta" (1988). E così via via da un virgulto all'altro, sotto l'irrorazione della grazia dello Spirito Santo.
Non va dimenticata la collaborazione preziosa data dal gruppo di Cigliano (VC), guidato dalle sorelle Flavia e Bruna Bono, che fu sempre un gruppo pieno di vitalità spirituale intensa che aiutò molto la crescita e lo sviluppo dei gruppi eporediesi. Anche il gruppo di Brandizzo (Diocesi di Torino) ha segnato il passo col primo gruppo carismatico di Betlemme, in unione col quale ha fatto un bel cammino.

Sia lode di tutto al Signore!

* Testimonianza pubblicata sul giornalino "In cordata. Circolare di collegamento tra i gruppi del RnS Diocesi di Ivrea", marzo 1991.

HOME